21 Dicembre 2020

Creare il proprio spazio per la pratica a casa

In questo particolare momento storico, la maggior parte di noi praticanti di Yoga, insegnanti o allievi, alle prime armi o praticanti di vecchia data, ci ritroviamo a dover praticare in casa.

Non è sempre semplice, per svariati motivi; a meno che non si abbia la fortuna di avere uno spazio dedicato solo a quello in casa, una stanza in più che possa essere adibita a piccola Shala, quello che accade spesso è di stendere il tappetino tra il divano e la tavola, di fianco al letto, in cucina, nel corridoio tra i giochi dei figli e il cane e il gatto che transitano in continuazione.

Se la vostra condizione corrisponde ad una di quelle qui sopra, ecco qualche consiglio, per fare in modo che la vostra pratica abbia almeno un po' del sapore di quando eravate nella vostra Shala:
- comunicate per tempo a chi vive con voi, il fatto che a quell'ora voi praticate; fate in modo che chi vi sta vicino capisca l'importanza di quello spazio per voi e lo rispetti, magari aiutandovi a mantenere un po' di silenzio e quiete in casa per il tempo della classe.

- prendetevi 5 minuti prima per sistemare il vostro spazio: senza bisogno di spostare tutti i mobili, ma cercate di guadagnare qualche centimetro intorno a voi, per sentirvi più comodi durante la pratica (e non rischiare di cadere addosso a qualcosa magari!)

- se vi aiuta a creare quel senso di raccoglimento necessario, accendete una candela, un incenso se vi piace, in modo da aiutarvi a concentrarvi e a non farvi distrarre da tutto quello che ben conoscete e che vi circonda in casa.

- argomento off limits per chi pratica Ashtanga, mi sento però di spezzare una lancia a favore dell'uso di un sottofondo musicale (magari dei mantra, magari cantati dal/dai vostro/i insegnanti) mentre si pratica. In alcuni stili di Yoga è la norma avere della musica che accompagna, in altri no.
Se siete soli in casa e magari praticate da poco tempo e vi distraete con facilità, credo che un sottofondo che aiuti a rilassare e calmare il flusso dei pensieri mentre pratichiamo, possa essere una buona idea. Con il tempo, imparerete a vivere e sentire il vostro respiro come se fosse l'accompagnamento musicale del vostro movimento.

- e se tutto questo non è servito, se vostro figlio è arrivato a salirvi sulla schiena, se il cane o il gatto sono entrati con le zampe sporche sul tappetino, se il vicino di casa ha deciso proprio in quel momento di fare la sua classe online di Zumba, va bene lo stesso. Sorridete, godetevi quello che siete riusciti/e a fare e state pronti/e per la prossima pratica casalinga!

Commenta

A.S.D. AYBL

Ashtanga Yoga Belluno
Via Masi Simonetti, 48
32100 - Belluno (BL)
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram